La strategia, il primo punto di vista



In questo post e nel successivo, vorrei spendere qualche parola per spiegare meglio i tre punti di vista che ho individuato e segnalato in precedenza.
Innanzitutto è importante capire bene cosa s’intende per strategia, il pensare prima del fare.
Prima di iniziare a investire in attività di promozione bisogna considerare quale strategia è la migliore per il negozio di cui volete aumentare i clienti. Bisogna capire l’importanza di individuare quali siano i giusti meccanismi per ampliare il giro di acquirenti attuali, essendo consapevoli che bisognerà andare fuori dal tracciato solito. Bisogna essere pronti a cambiare strategia o quanto meno estenderla mantenendo quella già in uso.
La strategia si divide in due passaggi fondamentali:
1) Capire qual è il target di riferimento per ciò che offrite, per ciò che vendete;
2) Capire a cosa questo target è interessato, rispetto a ciò che offrite, capire cosa potrebbe far decidere al target di comprare o meno;
3) Identificare le caratteristiche del vostro prodotto e del vostro negozio che possano essere un valore aggiunto per il target e che possano rientrare nella descrizione del punto2.
Identificato il target, quindi la nicchia di persone che potrebbero essere interessate al vostro prodotto, dovete capire cosa vogliono trovare di particolare nel segmento di mercato di cui voi fate parte e cercare di dirigere il vostro prodotto e la vostra promozione in quella direzione. Dovete capire su quali particolarità del vostro prodotto puntare e su quali obiettivi dirigere la vostra campagna pubblicitaria; capire come migliorare il vostro sito andando incontro a questi bisogni, come allestire la vetrina e via dicendo.
Dovete cercare di rispondere alla domanda: “Perché noi? Quale valore aggiunto possiamo dare a questo target per farci scegliere tra tanti, per far si che entrino nel nostro negozio e non in un altro?”
Se avete suggerimenti o idee da condividere non esitate a commentare, le idee dei lettori sono sempre le più utili.
Annunci

3 risposte a “La strategia, il primo punto di vista

  1. Un'idea sarebbe quella di non fare sconti solo con una spesa minima di tipo 50 Euro e poi mettere tutti i prezzi a tipo 49,99 euro per costringere il cliente a comprare anche qualcosa che non comprerebbe solo per ottenere lo sconto. Specie per le famiglie medie, che evitano di comprare il superfluo di solito (e a maggior ragione in tempo di crisi), negozi che usano questi trucchetti diventano antipatici.
    Almeno questo è quello che penso io: se vedo una cosa del genere non compro proprio, quindi tu negoziante perdi un eventuale cliente ed io preferisco un negozio in cui vi sono sconti normali.

  2. Pingback: Gli step da seguire prima di buttarsi nella rete | NEGOZI: aumentare i profitti

  3. Pingback: Il progetto | NEGOZI: aumentare i profitti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...